2020 è stato un anno interessante e stimolante per tutti, compresa la comunità dell'ingegneria strutturale. Andando avanti, è importante che comprendiamo e impariamo da ciò che è necessario cambiare grazie alla pandemia, e cosa significa andare avanti. Per fortuna in 2020, il Consiglio Nazionale delle Associazioni degli Ingegneri Strutturali (NCSEA) Impegno ed equità di ingegneria strutturale (SE3) Il comitato ha completato un sondaggio di oltre 5,000 ingegneri.

Questo sondaggio aiuta a ottenere una buona immagine del settore attraverso una varietà di obiettivi diversi che influiscono sugli ingegneri come la paga, ambiente di lavoro, diversità, prestazione, eccetera. In questo articolo, esploreremo una delle pubblicazioni SE3 del 2020 sondaggio. Puoi trovare questo documento sul sito web SE3.

Equilibrio tra lavoro e vita privata & Lavorare da remoto

Una giusta ipotesi sui modelli di lavoro degli ingegneri strutturali è la propensione a essere a volte sovraccarico di lavoro o la necessità di dedicare ore extra alle scadenze e alle presentazioni del progetto. Che tu sia un ingegnere strutturale o che stia studiando per diventarlo, hai sperimentato questo o hai familiarità con la tendenza. Con questo in testa, vediamo come si sentono gli ingegneri strutturisti riguardo al loro equilibrio complessivo tra lavoro e vita privata in 2020. figura 1 mostra la soddisfazione relativa in base al livello di esperienza.

figura 1. Soddisfazione dell'equilibrio tra lavoro e vita privata per titolo di posizione [1]

 

Complessivamente, queste valutazioni sembrano abbastanza alte se si pensa alla tendenza degli ingegneri a dover lavorare ore extra. Secondo l'indagine NCSEA SE3, “..qualcuno che ha riferito che l'orario ridotto era accettabile prima del COVID aveva quasi il doppio delle probabilità di essere soddisfatto dell'equilibrio tra lavoro e vita privata rispetto a un intervistato che ha riferito che l'orario ridotto non era accettabile prima del COVID.”

La cosa principale che è cambiata 2020 tuttavia è prevalente il lavoro da casa. Secondo l'indagine, 70% degli intervistati ha lavorato raramente o mai da casa. Durante la pandemia COVID, quei numeri hanno fatto un completo 180, con 91% degli intervistati lavora da casa e solo 9% non.

Questo improvviso cambiamento nelle dinamiche di lavoro ha richiesto un cambiamento nel modo in cui gli ingegneri fanno le cose. Incontro con altri ingegneri del team, altre parti del progetto, così come i clienti, lontanamente è il più ovvio. Collaborazione virtuale sui documenti del piano, modelli strutturali, e anche i modelli BIM dovevano diventare completamente virtuali. Così, come si sentono gli ingegneri riguardo al cambiamento drastico?

figura 2. Ingegneri strutturali’ parere sul lavoro a distanza, post-COVID [1]

 

Guardando i dati del sondaggio, possiamo vedere che quasi la metà degli ingegneri pensa che le loro prospettive sul lavoro a distanza siano migliorate a causa della pandemia COVID rispetto a prima. Solo 16% degli intervistati si è concluso con un'opinione più negativa sul lavoro a distanza. Da questa, possiamo presumere che il passaggio a un equilibrio tra lavoro a distanza e collaborazione di persona potrebbe avvantaggiare il settore dell'ingegneria strutturale, ma dovrebbe scendere a come opera ogni squadra e cosa funziona meglio per loro.

Se hai trovato questo articolo interessante, assicurati di leggere alcuni dei nostri altri post del blog, iscriviti al nostro canale YouTube, e seguici su LinkedIn!

La capacità di SkyCiv di operare direttamente da un browser significa che in futuro, i tecnici non devono fare affidamento su licenze locali o utilizzare una VPN per accedere a una licenza in remoto. Se non hai mai provato il nostro prodotto, provalo tu stesso!

 

Riferimenti

  1. Lyrenmann, Lindsey, et al. "Feedback sulle prestazioni 2020". Pubblicazioni del Comitato, NCSEA SE3, Mar. 2021, 6051d912-ed55-49bc-bc85-80def0220396.filesusr.com/ugd/4a5ddd_cedb8f19b3a04b7d9dc54b228c8eff96.pdf.